Riassunto:In questo articolo troverete utili indicazioni per far sì che il rituale della nanna rimanga, durante il percorso di crescita, un alleato prezioso per il vostro bambino nell’ “arduo cammino” tra il sonno e la veglia! La chiave del successo sta nel tenere presente che i nostri bimbi crescono, e con loro, le loro capacità e competenze.

Nanna bambino - PJ magazine

E’ ormai noto quanto il rituale della nanna sia efficace nel favorire il dormire dei bambini

Alcune volte anche questa fantastica risorsa può giocare un ruolo fondamentale nella difficoltà di addormentamento dei bimbi!

Come è possibile che ciò accada? Come poterlo evitare?

In questo articolo troverete utili indicazioni per far sì che il rituale della nanna rimanga, durante il percorso di crescita, un alleato prezioso per il vostro bambinonell’ “arduo cammino” tra il sonno e la veglia!

Ma partiamo dal principio…

Quando si parla di “rituale della nanna” ci si riferisce alla ripetizione di routine, gesti, parole, ninnananne e coccole, tutte le sere, prima di mettere a nanna il proprio bimbo, che gli permettano di capire che è arrivato il momento di andare a dormire e lo aiutino a rilassarsi.

Come adulti, soprattutto nelle situazioni di difficoltà, quando troviamo una “soluzione che funziona” tendiamo a continuare a ripeterla, sempre uguale a se stessa; se così funziona, perchè cambiare? Anche la saggezza popolare ce lo dice: “Squadra che vince, non si cambia”…

Ma funziona così anche per il rituale della nanna e il sonno dei neonati e bambini?

Se da un lato la ripetitività è uno degli elementi chiave della sua efficacia è fondamentale tenere presente che i nostri bimbi crescono, e con loro, le loro capacità e competenze.

La “chiave del successo” del rituale della nanna, infatti, non è solo la ripetitività ma anche, e soprattutto, la sua utilità nel favorire il rilassamento del bambino, assecondando il suo bisogno di vicinanza con l’adulto, rassicurandolo rispetto alla paura della separazione e permettendogli di scoprire ed imparare, man mano, nuove strategie di autoregolazione.

Se la suzione e il contatto con l’adulto sono le stategie più efficaci di autoregolazione nei neonati, più il nostro bambino cresce e maggior bisogno ha di scoprire strategie più adatte alle sue competenze e alle sue capacità, per autoregolare i suoi stati e per consolarsi.

È necessario, quindi, assecondare il suo bisogno di crescita e trovare con lui nuove e più efficaci strategie per aiutarlo a rilassarsi ed a lasciarsi andare alla nanna.

Se, da neonato, il rilassamento veniva raggiunto principalmente nella fase in cui il bambino poppava prima del sonno o veniva cullato in braccio, e il rituale che precedeva questi momenti poteva essere fatto da pochi gesti o parole ripetute, ora che il vostro bimbo è cresciuto queste potrebbero non essere più le strategie maggiormente efficaci e adatte alla sua età; non gli permettono, infatti, di raggiungere uno stato di serenità e tranquillità tale da favorire la transizione tra lo stato di veglia e il sonno e questo può, anzi, essere fonte di maggiore irrequietezza.

Può essere, quindi, utile strutturare un rituale che preveda comunque il contatto e la condivisione, ad esempio, leggendo insieme una storia o, più in là, condividendo i momenti migliori e peggiori della giornata e parlando di cosa ha potuto imparare, ma che, coinvolgendo maggiormente le sue nuove capacità, possa soddisfare il suo bisogno di imparare nuove strategie di autoregolazione che consentano di rilassarsi e rassicurarsi pian piano.

Anche i genitori devono “crescere” con i loro bambini e affrontare la splendida e, alle volte, faticosa “sfida” di trovare nuovi modi di stare insieme…ovviamente unici e personali, proprio perchè carichi di significati per le persone in essi coinvolte.

Gli esempi riportati in questo articolo sono solo alcuni dei possibili modi in cui si può “far crescere” un rituale della nanna e quindi far dormire serenamente il nostro piccolo…a voi lo speciale compito di creare il vostro “personale stile” con il vostro bambino!!

L’importante è che contempli la crescita di tutti ;)

Dott.ssa Veronica Ponissi – Psicologa Clinica e Neuropsicologa

Gruppo di lavoro sul sonno del neonato e del bambino

PJ magazine

Free online Magazine & Marketing, nato dall’ esigenza di dare una risposta vicina ai bisogni di chi lo legge e cercare di mettere in contatto piccole e medie imprese del nostro territorio con il pubblico, offrendo un servizio chiaro e completo.

TI E' PIACIUTO L'ARTICOLO? CONDIVIDILO
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Reddit0Share on StumbleUpon0Email this to someone