Ecco come prendere le distanze da chi ci fa soffrire.

Ferite del cuore - PJ magazine

Le ferite nella mente, qualunque esse siano non sono incasellate in diverse categorie, fanno parte dello stesso insieme.

Per tutta la vita rimarremo feriti, ma è possibile alleviare la mentre da tale sofferenza.
Sono molteplici i sistemi per raggiungere questo stato di benessere, ecco due modalità che possono esservi utili:

  1. allontanatevi, per la durata della vostra convalescenza, da chi può alimentare la vostra ferita.
    Se ad esempio un amico vi ha umiliato o tradito, prendete le distanze da lui, dal suo migliore amico, dalla sua ragazza e dal suo collega di lavoro preferito.
    Non si tratta di respingere queste persone, ma di proteggervi, di darvi tempo di rinforzare la vostra psiche indebolita dalla ferita e di vedere chiaro dentro di voi.
  2. evitate di criticare chi vi ha fatto soffrire ed evitate di tramare contro di lui con l’obiettivo di procurarvi degli alleati o dei salvatori.

E’ del tutto normale cercare supporto o sapere i vostri amici da che parte stanno, questo vi permette di rivalutare di chi potete fidarvi dopo ciò che avete subito. Tuttavia la critica è assolutamente nociva al vostro benessere, perché vi relega nel ruolo di vittima e vi lega alla sofferenza che sentite.

Per aiutarvi ad uscire dalla bufera, per vedere chiaro dentro di voi e per riprendere il potere sulla vostra vita in seguito all’evento che vi ha feriti, proteggetevi per alleviare le ferite del vostro cuore.
Accettandovi per quello che riuscite a fare, concedetevi tutto il tempo di cui avete bisogno.

Dott.ssa Beatrice Rugo
Gruppo Melitòn nasce dall’incontro di psicologi – psicoterapeuti che operano nei territori del Veneto, della Lombardia e dell’ Emilia Romagna.

www.gruppomeliton.it | info@gruppomeliton.it

TI E' PIACIUTO L'ARTICOLO? CONDIVIDILO
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+1Pin on Pinterest0Share on LinkedIn2Share on Reddit0Share on StumbleUpon0Email this to someone